vini e distillati | wine & spirits

Andrea Aldrighetti sommelier consulenza esperto vino vini e grappa grappe

5 Novembre 2010
Fenomeni: il Trentodoc diventerà il nuovo Pinot Grigio?

Continua la crescita di offerta dello spumante metodo classico trentino marchiato Trentodoc.

A tre anni dalla presentazione del progetto Trentodoc e del marchio collettivo, fortemente sostenuto dall’assessore all’agricoltura Mellarini, sono diverse le cantine trentine che si sono lanciate nella sfida di produrre un metodo classico.

Che per gli spumanti in Italia sia un momento felice, i dati di mercato sembrano confermarlo.

Visitando una cantina della Vallagarina, affermata per i suoi vini rossi da uve bordolesi, Marzemino, Pinot Nero e Syrah, in un angolo della barricaia vedo un cesto pieno bottiglie di spumante. Alla domanda di cosa contenessero le bottiglie, senza tradire una certa dose di orgoglio, la risposta fu “le nostre prime mille bottiglie di Trentodoc”.

Mauro Lunelli, enologo e proprietario con la sua famiglia delle cantine Ferrari, ha definito la spumantistica come “la Formula Uno dell’enologia”, dove ogni dettaglio non è lasciato al caso.

Tante aziende, sia cooperative sia vignaioli eccellenti come Cesconi o Castel Noarna, hanno annunciato la prossima uscita sul mercato del loro metodo classico o Trentodoc. Resta da capire cosa spinga questi vignaioli “neo-spumantisti“ a cimentarsi con il produrre poche migliaia di bottiglie di metodo classico.

Difficilmente lo spumante potrà fare da traino per le vendite dei vini fermi, bianchi o rossi, che di queste aziende rappresentano la produzione principale oppure potrebbe essere l’inizio di una riorganizzazione futura delle stesse: via il cabernet e il merlot, piantiamo/sovrainnestiamo con chardonnay-pinot.

Il timore è che si stia ripetendo il solito errore della viticoltura e di tante cantine trentine, quello di (in)seguire la domanda del mercato, magari barattando la visibilità e la promozione che concede la campagna pubblicitaria del Trentodoc con l’impegno di produrre uno spumante.

Il Pinot Grigio per tanti anni “ha tirato” e per usare un’espressione tanto cara al sistema cooperativo “ha creato reddito” ma non si può dire sia diventato bandiera del territorio, soprattutto per mancanza di oggettive qualità organolettiche: di pinot grigi trentini indimenticabili, non se n’è mai bevuti.

Con il Trentodoc la realtà è per fortuna molto diversa: è indiscutibile che alcuni dei migliori metodo classico italiani siano prodotti in regione e il più forte marchio aziendale di spumanti è trentino. Le condizioni per creare degli ottimi prodotti ci sono. La speranza è che i nuovi spumanti aiutino a definire meglio il goût de terroir del Trentodoc: per ora c’è la tecnica, il marchio, il marketing, ma manca ancora un’anima in tanti di questi vini.

 

Commenta e condividi

 

In primo piano

eventi

Appuntamenti Enophilia Wine School inverno 2017

[go to the English page] Vuoi imparare, divertendoti, alcuni trucchi dei degustatori più esperti per fare bella figura con i tuoi amici o con la/il tua/o compagna/o?  

Partecipa ad una delle classi

[...]

Come quelle feste che ti scordi chi è il festeggiato. Un giorno in Trentino, per capire chi sono il Ciso e i Dolomitici.

Dovresti parlare di Lui, il Ciso, era la sua la festa. Ma Loro, i Dolomitici, ti mettono così tanta carne al fuoco che non sai bene da dove cominciare. Per la seconda volta ci si ritrova a Castel Noarna a festeggiare

[...]

#ViViT 2013 e i vini cosiddetti naturali. They are living in the ghetto.

E' un ghetto. Un muro fatto di pannelli scuri, alto più di due metri, circonda e separa lo spazio del ViViT allestito in un angolo del padiglione 11 del Vinitaly di Verona.

All'interno del padiglione non

[...]

Declinazione Nosiola. Orgoglio, tecnica e territorio!

Al recente evento "Ar-Riva-no i Vignaioli", la mostra-mercato organizzata dall'Associazione dei Vignaioli del Trentino nello scenario della Rocca di Riva del Garda, è stata proposto un interessante approfondimento

[...]
Previous Next

enophilia:archivio

enophilia
di Andrea Aldrighettisommelier

Piazza Brenta Alta, 14
I-38086 Madonna di Campiglio TN

Via Stenico, 47
I-38070 Ragoli TN

info@enophilia.it
t +39 333 7474392

p.iva IT 02148760222