vini e distillati | wine & spirits

Andrea Aldrighetti sommelier consulenza esperto vino vini e grappa grappe

3 Agosto 2012
Meursault, Alto Adige. Chardonnay.

Nelle ultime settimane sto cercando di mettere ordine in cantina.

Nella mia cantina-magazzino "convivono" le bottiglie dei vini che commercio con quelle accumulatesi negli anni che fanno parte della cosiddetta "riserva privata": ci sono reperti e cimeli di viaggi, bottiglie "atte a divenire" rari oggetti di future degustazioni, alcuni totem del Dio Bacco a cui prostrarsi in devozione (pochissimi in realtà, forse tre o quattro etichette). Il mio problema è che "accantono" molto più di quello che poi bevo e spesso è facile incappare in qualche (buona) bottiglia che meritava essere stappata e condivisa mesi o addirittura anni prima...

Pochi giorni fa sono incappato in due vini bianchi, attempati ma non troppo per le ambizioni della denominazione (per uno) e per la reputazione dell'etichetta e del produttore (l'altro). Si trattava di un Meursault del climat Grands Charrons della (ottima) vendemmia 2002 e dell'altoatesino Löwengang Chardonnay di Alois Lageder, di un anno più vecchio, ma di un'annata, la 2001, considerata molto buona.

La stessa uva e la vinificazione in legno piccolo per entrambi, due territori e due climi molto distanti. Sono la maturità e dolcezza dei profumi oltre a un diverso sviluppo gustativo a differenziare notevolmente i due vini. 

Meursault si distingue per essere il villaggio della Borgogna dove si produce tanto vino bianco quanto negli altri "villages" della Cote d'Or messi assieme. Il climat Les Grands Charrons, 13 ettari di vigna a ovest del paese, è prossimo alle vigne del premier cru Les Gouttes d'Or, posizionato sulla stessa fascia altimetrica. È considerato alla stregua di un "deuxième Cru": in nessun altro village della Côte d'Or come a Meursault il concetto di lieu-dit, pur se non classificato come premier cru, è così importante. I vini prodotti dai vigneti confinanti alla fascia dei premiers crus godono di una considerazione maggiore rispetto ai vini della parte più bassa della collina, rispetto ai quali si distinguono per finezza e struttura. [Clive Coates, The wines of Burgundy, 2008]

Meursault

Il Domaine Jean Marc Morey, produttore del Meursault, ha sede a Chassagne-Montrachet, lavora 9 ettari di vigneto e imbottiglia una ventina di etichette suddivise tra villages e premièrs crus della Côte de Beaune.

Il colore è giallo dorato, non così carico ma abbastanza brillante. Il profumo è inizialmente polveroso, di liquirizia, prima di aprirsi e crescere lentamente con una leggera nocciola tostata, agrumi canditi e crème brûlée, su un sottofondo vegetale, fine e elegante. Al palato è molto asciutto, con una tensione salina che al naso non ti aspetti. Il corpo è magro, pare svuotato da un eccesso di calore alcolico e da mancanza di grassezza e densità, In bocca rimane teso, rigido. Buono, ma lontano dall'emozione. (ottantasei)

Lo Chardonnay Löwengang è un'etichetta storica del produttore sudtirolese e viene indicato come uno dei primi vini bianchi dell'Alto Adige fermentati in barrique. 

I primati di Alois Lageder, la persona e l'azienda, in realtà sono molteplici. Filantropo, appassionato di arte e architettura, ecologista, prima di tanti altri ha iniziato a parlare di coltivazione "naturale" della vigna e di biodinamica nei vigneti. Forse a causa dell'aplomb con cui è iniziato il percorso ad una viticoltura "sostenibile" o dell'algido modo di comunicarlo, Lageder non è diventato (e credo mai lo diventerà) un nome di riferimento per gli appassionati del vino biologico o biodinamico, troppo distante per dimensioni e immagine agli stereotipi dalle aziende "vinoveriste" o "vinnaturiste".

Il Löwengang ha bel colore dorato, lucente. Più aperto e carnoso del Meursault, il contributo del legno è evidente e guida lo sviluppo dei profumi. Il naso è ricco di tostature dolci e spezie, cioccolato bianco e vaniglia, mandorle e amaretto, note fruttate mature, di pesca sciroppata e frutto tropicale. La bocca è morbida, succosa e salata. Fine e equilibrato, manca di forse di un guizzo o di una "spigolosità" che doni ulteriore slancio e progressione al gusto. (ottantanove+)

 

Domaine Jean Marc Morey
3 Rue Principale
21190 Chassagne-Montrachet
moreyjeanmarc@orange.fr 


Alois Lageder
Vicolo dei Conti 9
39040 Magrè sulla Strada del Vino
Tel  +39 0471 809 500 

www.aloislageder.eu


[foto: Enophilia, burgundy-report.com]

 

Commenta e condividi

 

In primo piano

eventi

Appuntamenti Enophilia Wine School inverno 2017

[go to the English page] Vuoi imparare, divertendoti, alcuni trucchi dei degustatori più esperti per fare bella figura con i tuoi amici o con la/il tua/o compagna/o?  

Partecipa ad una delle classi

[...]

Come quelle feste che ti scordi chi è il festeggiato. Un giorno in Trentino, per capire chi sono il Ciso e i Dolomitici.

Dovresti parlare di Lui, il Ciso, era la sua la festa. Ma Loro, i Dolomitici, ti mettono così tanta carne al fuoco che non sai bene da dove cominciare. Per la seconda volta ci si ritrova a Castel Noarna a festeggiare

[...]

#ViViT 2013 e i vini cosiddetti naturali. They are living in the ghetto.

E' un ghetto. Un muro fatto di pannelli scuri, alto più di due metri, circonda e separa lo spazio del ViViT allestito in un angolo del padiglione 11 del Vinitaly di Verona.

All'interno del padiglione non

[...]

Declinazione Nosiola. Orgoglio, tecnica e territorio!

Al recente evento "Ar-Riva-no i Vignaioli", la mostra-mercato organizzata dall'Associazione dei Vignaioli del Trentino nello scenario della Rocca di Riva del Garda, è stata proposto un interessante approfondimento

[...]
Previous Next

enophilia:archivio

enophilia
di Andrea Aldrighettisommelier

Piazza Brenta Alta, 14
I-38086 Madonna di Campiglio TN

Via Stenico, 47
I-38070 Ragoli TN

info@enophilia.it
t +39 333 7474392

p.iva IT 02148760222